Blog

01 giugno 2011

Lunga intervista con McDowell e Vitali

Sul sito Collider c'è una lunga intervista a Malcolm McDowell sul quarantesimo anniversario di Arancia Meccanica. Alla conversazione era presente anche Leon Vitali che ha raccontato alcuni aneddoti sulle riprese di Barry Lyndon e ha parlato del rapporto di Kubrick con la tecnologia.

Ben prima che scoppiasse il casino sul trasferimento Blu-ray di Barry Lyndon (l'intervista è del 18 maggio), Vitali parlava in questo modo dei trasferimenti video:
Poiché i televisori adesso hanno una dimensione 16:9, questo è quello che hai, ecco perché sono stati fatti così. Io non ho avuto niente a che fare con questa decisione. Ne è seguito che tutto è stato fatto in questo modo, anche per gli altri schermi televisivi. Stanley avrebbe sicuramente discusso questa cosa prima che venisse fatta, ma è stata fatta, e allora... Comunque abbiamo due versioni adesso: schermo pieno e schermo panoramico. Così, in un certo senso, abbiamo preso due piccioni con una fava.
Sì, la fava della metafora la vedo tutta.

Malcolm McDowell and Leon Vitali Talk A CLOCKWORK ORANGE on the 40th Anniversary, Hunter Daniels, Collider.com 18.05.2011

2 commenti:

jugger ha detto...

Io non ci ho capito molto: cioè, Vitali sostiene che Kubrick avrebbe messo becco sulle decisioni dei produttori di tv & co. per definire lo standard adatto agli schermi panoramici? O_o

nessuno2001 ha detto...

No, penso che intendesse dire che, se SK fosse stato in vita, avrebbe discusso su come rendere i film nel formato HD, sottintendendo che avrebbe deciso se trasferirli in 16/9 o se usare dei mascherini. Insomma, dice l'ovvio.

© 2001-2011 ArchivioKubrick