Blog

05 aprile 2019

Il ritiro di Arancia Meccanica dalle sale cinematografiche inglesi

Oggi 5 aprile 2019 Arancia Meccanica torna nei cinema inglesi come parte di una retrospettiva del British Film Institute per commemorare i 20 anni dalla morte di Stanley Kubrick.

Ben diverso il programma della retrospettiva di 40 anni fa: il BFI scoprì improvvisamente che il film era "assolutamente non disponibile alla distribuzione nel paese."

Era la prima volta che il ritiro del film veniva reso pubblico, anche se la Warner Bros. non rivelò mai il motivo. Dopo la morte di Kubrick, sua moglie Christiane ha rivelato che il regista, consultandosi con la polizia inglese, aveva deciso di ritirare il film a seguito delle minacce di morte che aveva ricevuto. Una volta finita la programmazione, a metà del 1974 Arancia Meccanica sparì dalle sale cinematografiche britanniche e vi tornò solo nel 2001.

Il film non fu distribuito in tutto il Regno Unito neppure in home-video. Era diventata pratica comune tra i giovani acquistare nei mercatini di Londra delle videocassette di contrabbando importate dall'Olanda.


Brochure originale del National Film Theater dell'ottobre 1979 fornita cortesemente da Martin Pope.

07 marzo 2019

2001 tra Kubrick e Clarke

Cari,
è con grandissimo piacere che vi comunico che da oggi è disponibile in edizione digitale, in anteprima per commemorare Stanley Kubrick nel giorno del 20° anniversario della sua scomparsa, il mio nuovo libro, scritto con Simone Odino:2001 tra Kubrick e Clarke: Genesi, realizzazione e paternità di un capolavoro.


La storia della realizzazione di 2001: Odissea nello Spazio è tanto epica quanto gli eventi narrati dal film – e finora altrettanto misteriosa.

Nel 1964, concluso Il Dottor Stranamore, Stanley Kubrick era incerto su come bissare il successo appena ottenuto e stava considerando i temi più caldi del momento; solo quando incontrò Arthur C. Clarke si decise per un film di fantascienza. Occorsero tuttavia più di quattro anni perché 2001 arrivasse sugli schermi: un titanico sforzo produttivo e creativo, costellato di ripensamenti, esperimenti, colpi di genio, debiti, litigi, minacce, esaurimenti nervosi e prove di forza.

Attingendo a fonti inedite, tra cui i documenti di produzione del film e il carteggio tra lo scrittore e il regista, 2001 tra Kubrick e Clarke racconta per la prima volta in modo completo l’odissea tecnica e artistica dei due autori, getta luce sulla loro relazione altalenante e rivela particolari finora sconosciuti sulla nascita e la realizzazione del “proverbiale buon film di fantascienza,” il primo e il più grande film sullo spazio, l’origine della specie umana e il suo destino tra le stelle.

2001 tra Kubrick e Clarke è disponibile in anteprima su tutte le piattaforme digitali: lo trovate per Amazon Kindle a questo indirizzo, per iPad e altri device Apple su iBooks Store, per i tablet ed e-read Android su Google Play Store e infine in formato ePub per tutti gli altri lettori sul vostro store preferito (Ibs.it, laFeltrinelli, Mondadori, Bookrepublic, Kobo e così via). Arriverà a breve in edizione cartacea e sarà possibile ordinarlo anche in tutte le librerie.


Simone Odino, che sicuramente conoscete, è l'autore del sito 2001italia. Le illustrazioni in copertina, semplicemente deliziose, sono di Roberto Baldassari; il progetto grafico è di Gianni Denaro.

2001 tra Kubrick e Clarke presenta tre saggi in un'inedita traduzione in italiano e in versioni largamente estese rispetto alla prima pubblicazione:

1. «Mio Dio, sarà dura superare l'atomica» – Kubrick alla ricerca di una nuova ossessione tra Il Dottor Stranamore e 2001 di Simone Odino
In che modo Stanley Kubrick giunse alla decisione di realizzare un film di fantascienza, scartando altre opzioni? Per quale ragione l’idea di utilizzare il racconto La Sentinella di Arthur C. Clarke come punto di partenza prevalse su altre – invero stravaganti – idee? Il periodo intercorso tra Il Dottor Stranamore e l’inizio della produzione di 2001: Odissea nello Spazio fornisce indicazioni preziose sugli interessi e le preoccupazioni di Kubrick oltre che sul suo atteggiamento verso il genere fantascientifico, offrendo una chiave di lettura socio-politica delle motivazioni dietro alla realizzazione del film.

2. La corsa allo spazio di Stanley Kubrick – Il calendario di produzione di 2001: Odissea nello Spazio di Filippo Ulivieri
2001: Odissea nello Spazio ha avuto notoriamente una realizzazione macchinosa: centinaia di maestranze all’opera in nove teatri di posa, effetti fotografici pionieristici, un piano di produzione e un budget quasi raddoppiati rispetto a quanto preventivato. Il film si preannunciò da subito come una scommessa estremamente audace per complessità tecnica e aspirazioni filosofiche. Tuttavia, questa impresa titanica non è mai stata documentata appropriatamente. Per la prima volta, le informazioni disseminate tra riviste d’epoca, libri di memorie, monografie e fonti d’archivio vengono qui di seguito combinate per costruire il più completo racconto della lavorazione di 2001: Odissea nello Spazio – i quattro febbrili anni che lanciarono Stanley Kubrick nell’empireo dei cineasti più importanti della terra.

3. Una meravigliosa esperienza striata di agonia – La relazione tra Arthur C. Clarke e Stanley Kubrick di Filippo Ulivieri, Simone Odino
Niente e-mail o SMS, niente chat o messaggi vocali: quando Arthur C. Clarke e Stanley Kubrick crearono il loro capolavoro, per comunicare a distanza usavano ancora la cara vecchia carta – che non sarà veloce, ma si conserva bene. Così, visitando l’Air & Space Museum dello Smithsonian dove è custodita la “Arthur C. Clarke Collection of Sri Lanka,” ci si può immergere nel carteggio tra i due artisti ed esplorare per la prima volta la relazione – spesso idilliaca, a volte burrascosa – tra il più scientifico scrittore di fantascienza e il più intransigente regista cinematografico.

Buona lettura e grazie dell'attenzione!

29 gennaio 2019

Coming soon...


Presto in arrivo, una collaborazione ArchivioKubrick (il vostro affezionatissimo) e 2001italia.it (Simone Odino).

09 dicembre 2018

Il calendario di 2001 su Wonderland

La puntata dello scorso venerdì 7 dicembre di Wonderland, il settimanale culturale di Rai 4, è stata quasi del tutto dedicata a 2001: Odissea nello Spazio in occasione del cinquantenario dell'uscita italiana del film.

Il racconto della lavorazione del film è interamente basato sul mio calendario di produzione, originariamente pubblicato nel libro Understanding Kubrick's 2001: Representation e Interpretation e tradotto in italiano per il numero speciale di SegnoCinema della scorsa estate.

La puntata è disponibile su Rai Play a questo indirizzo. Buona visione!


23 novembre 2018

Un mio corso su Kubrick a Ferrara

Cari,
vi invito giovedì 13 Dicembre a un mio corso sul cinema di Stanley Kubrick, organizzato dall'associazione culturale Feedback di Ferrara.

L'incontro inaugura un ciclo di appuntamenti annuali dedicati a Kubrick e, come suggerisce il titolo "Stanley Kubrick e noi", sarà diviso in due parti. La prima sarà una lezione incentrata sulle caratteristiche fondamentali del cinema di Kubrick, per individuare qual era il suo metodo di lavoro e quali elementi comuni hanno i suoi film. Si tenterà quindi di capire perché il cinema di Kubrick abbia avuto e continui ad avere un clamoroso successo di critica e di pubblico arrivando perfino a essere parte della cultura pop.

La seconda parte sarà una conversazione più libera, con domande e risposte dal pubblico in cui si parlerà anche dei progetti incompiuti, i film che Kubrick voleva fare, su cui ha lavorato e speso a volte anni di ricerca, e che non si sono materializzati. Chi segue queste pagine sa che a parlare di Napoleon, Aryan Papers e A.I. non si fa che grattar la superficie di quell'enorme matassa di interessi, passioni e progetti che Kubrick ha accumulato in cinquant'anni di lavoro. (Per chi non lo sapesse, Kubrick si è lasciato dietro almeno 55 film irrealizzati.)

Il corso è gratuito ed aperto a tutti, con offerta libera per Feedback. Vi aspetto quindi giovedì 13 Dicembre alle ore 21:00 presso la Video-Biblioteca Vigor, in Via Gaetano Previati 18, a Ferrara. Se non siete della zona, passate parola ai vostri amici emiliani. Grazie!

© 2001-2011 ArchivioKubrick